Chapeau!

Ieri sera, come molti, ho assistito allo spettacolo di Roberto Benigni su RaiUno. È stata una delle rare occasioni in cui ho pensato che sia giusto pagare il canone Rai, ed è un peccato che siano così rare.

Non sono un dantista, quindi non mi addentro nella polemica sulla banalizzazione di Dante da parte di Benigni iniziata da Vittorio Sermonti, che della lettura di Dante in pubblico ha fatto una delle sue attività principali, e con grande successo. La critica si è divisa: da destra si attacca, da sinistra si incensa. Aldo Grasso, sul Corriere della Sera, sembra più equilibrato.

A me sembra che Benigni abbia comunque reso un grande servizio a Dante e alla cultura in generale. Ovviamente da lui non ci si può aspettare un commento filologico, né un discorso critico in senso stretto. Ma la sua capacità di far vedere il lato umano di un poeta, di far cogliere le sue emozioni facendoci capire che, dopo settecento anni, gli uomini provano sempre le stesse cose, è stata straordinaria. Benigni sarebbe stato un grandissimo insegnante, proprio perché è ricchissimo in quello in cui noi insegnanti siamo così poveri, cioè la capacità di coinvolgere i nostri alunni, di farli pendere dalle nostre labbra mentre facciamo rivivere un autore per loro.

Dopo il liceo molti studenti non vogliono più sentir parlare di Dante. Dopo una serata come quella di ieri a qualcuno verrà la voglia di riprendere in mano la Divina Commedia. È facile capire chi rende il servizio migliore alla cultura. Per l’analisi critica e filologica c’è sempre tempo, per godersi la grande poesia no.

Annunci

3 pensieri su “Chapeau!

  1. V. Birra

    Gentile Professore, non vorrei essere scortese ma penso che coinvolgere i propri alunni stia alla base dell’insegnamento come della comunicazione. Sono uno studente, ho 21 anni, e nell’approcciarmi alla lettura di qualsiasi autore cerco sempre di carpirne il lato umano; penso che il fascino della poesia come i significati piu profondi si possano trovare proprio in questo “lato umano”. Poi, ho trovo fastidioso il suo fare di tutta l’erba un fascio(“noi insegnanti”). Anche se ultimamente La Scuola come le Università lasciano a desiderare(ogni riferimento è puramente casuale) ho ascoltato lezioni di Porfessori degni di ricoprire quel ruolo, quindi cerchi di rivisitare il suo metodo di insegnamento. Le porgo distinti saluti.

    http://linutile.wordpress.com/

  2. Caro V. Birra, come posso evitare di fare di tutta l’erba un fascio? Posso forse dire “gli insegnanti, ma non il prof. Rossi del Liceo di Teramo (città presa assolutaente a caso)”? È evidente che in questi casi un minimo di generalizzazione sia indispensabile.
    Quanto a rivisitare il mio metodo di insegnamento, mi chiedo in base a cosa lei formuli questo giudizio, non avendo assistito mai a nessuna mia lezione.
    Cordialmente

  3. V. Birra

    Gentile Professore, mi sono permesso di giudicare a priori il suo metodo perchè lei stesso si è inserito in una categoria di insegnanti che non sa “insegnare”, propio in virtù del fatto “che in questi casi un minimo di generalizzazione sia indispensabile”.
    Cordialmente

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...