Il boicottaggio del giorno

Per quello che conta il parere di questo blog, boicottare le Olimpiadi di Pechino, come va molto di moda chiedere in questi giorni, non serve a niente. Ne faranno le spese gli atleti, che si preparano da anni, ma non la Cina, che continuerà a fare quello che vuole della sua politica interna.

L’unica decisione sensata sarebbe stata, anni fa, non concedere alla Cina l’organizzazione dei Giochi. Le violazioni dei diritti umani c’erano anche allora, così come la repressione in Tibet, la pena di morte, lo sfruttamento degli operai, le limitazioni alla libertà di opinione. Ma, siccome la Cina è un mercato importante, allora nessuno l’ha voluta scontentare, salvo adesso meravigliarsi perché in Cina, chi l’avrebbe mai detto, esiste una dittatura.

Possiamo chiamarla ipocrisia o miopia politica. Comunque la si guardi, è una sconfitta per tutti, un rimedio peggiore del male.

Annunci

2 pensieri su “Il boicottaggio del giorno

  1. Merlino

    sono d’accordo: le tue riflessioni sono piu’ che giuste. Come al solito deve esserci un evento eclatante che porta alla ribalta una realta’ che esiste da anni. Solo adesso i media si “ricordano” del Tibet! Spero che questo serva comunque a sensibilizzare e a far conoscere culture diverse dalla nostra, e, soprattutto prendere esempio della risposta non-violenta del popolo tibetano. E’ l’unica via di riscatto dell’umanita per uscire dalla spirale del male.

    namaste

  2. A parte che le Olimpiadi per me non significano nulla – non lo dico per snobismo ma per chiarire che non so ciò di cui parlo – l’isolamento, l’ostracismo e l’embargo non servono alla causa della libertà.
    Da sempre i Popoli anelano alla libertà quando ne annusano l’odore, quando la avvertono quasi a portata delle proprie mani. L’URSS è caduta con Gorbaciov non con Stalin, e lo stesso può dirsi di ogni altra dittatura.
    Chi vive nel terrore e nella fame sogna la vita, non la libertà.
    Sarebbe ora che anche Cuba e la Palestina godessero di una possibilità negata semplicemente dagli elettori di una altra nazione.
    Ho schifo dell’atteggiamento opportunistico dei potenti che ignorano il Tibet perché hanno interessi di pecunia in Cina, ma sono comunque convinto che le Olimpiadi possano fare di più per la causa della libertà e del Tibet del boicottaggio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...