Separazione dei poteri

Una delle cose che più mi ha colpito della cerimonia del giuramento di Barack Obama, e che avevo dimenticato accadesse, è che il presidente degli Stati Uniti giura di fronte al presidente della Corte Suprema, che addirittura gli suggerisce le parole da pronunciare. Il significato simbolico è secondo me fortissimo: il potere giudiziario, davanti al quale tutti sono uguali, è in un certo senso superiore anche a quello esecutivo (ne parla Vittorio Zucconi proprio oggi), lo controlla e ne limita gli eccessi.

Poi penso all’Italia, alle leggi ad personam, allo scandalo e all’indignazione ogni volta che un giudice si permette di indagare su un politico, alla bizzarra teoria secondo la quale, siccome la Costituzione dice che i giudici amministrano la giustizia in nome del popolo e il popolo ha scelto quei deputati e senatori e consiglieri, i giudici non possono indagare sugli eletti. Tra parentesi, basterebbe leggere anche il secondo comma dell’articolo 101 per scoprire che “I giudici sono soggetti soltanto alla legge”.

C’è ancora parecchia strada da fare.

Annunci

3 pensieri su “Separazione dei poteri

  1. @Carlo:
    Nel nostro caso, i giudici della Corte suprema sono stati nominati da Bush. In Italia, abituati come siamo allo spoils system, il presidente giurerebbe nelle mani di uno che poi si affretterebbe a rimuovere il giorno dopo per sostituirlo con uno più gradito.
    Ho letto quello che hai scritto sul tuo blog e ammetto di non avere i mezzi per cogliere tutte le differenze. Non so se quello che penso io sia nella tradizione liberale o no e, tutto sommato, non è importante. È importante invece, e solo questo volevo sottolineare, che il presidente della nazione più potente del mondo riconosce l’autorità e l’indipendenza di qualcuno che sta al di sopra di lui. Il che, ripeto, in Italia è semplicemente impensabile.

  2. La questione mi pare un’ altra.
    Tutta la faccenda della separazione dei poteri mi sembra, se presentata in buona fede, assurda.
    Altrimenti strumentale ad un progetto eversivo della democrazia libera.
    Assurda perchè una separazione dei poteri compiuta è sostanzialmente impossibile.
    Vedi il problema della interpretazione della legge, della scelta nell’ esercizio dell’ azione penale ecc.
    Potenzialmente pericolosa per la democrazia libera perchè, se si consente ad un “potere giudiziario” che risponde ufficialmente solo a se stesso di influire sull’ indirizzo politico di un paese, gruppi o movimenti politici, al di fuori del controllo democratico, possono di fatto sovvertire le istituzioni libere prendendo il controllo, appunto di fatto, di tale potere giudiziario separato.
    Ed infatti nelle democrazie liberali di antica data giustizia costituzionale, alta interpretazione della legge ed alta direzione dell’ esercizio dell’ azione penale non sono indipendenti dal potere politico democratico. Ciao.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...