Tag

, , , ,

Sembra incredibile, ma esiste il Movimento Nazionalista Lombardo (tutte maiuscole, il loro programma è scritto nello stesso stile dello statuto albertino). Sangue e suolo, Lombardia ai Lombardi, la storia che si è fermata a Celti e Longobardi, via tutti gli stranieri e massime gli ebrei, ovviamente. E la Lombardia non è quella che conosciamo, ma comprende anche parte del Piemonte e dell’Emilia, un pezzo di Veneto e il Canton Ticino.

In tutto questo si raggiungono vertici di assoluta comicità. Scrive un lettore: “Cosa ne pensate delle piante allogene che sono state portate in Lombardia dagli invasori mediterranei? Avete un programma di estirpazione? I castagni sono da considerarsi allogeni? Un articolo in merito sarebbe molto interessante. Grazie.”

Risposta: “Appare chiaro che la lotta contro gli alloctoni riguardi anche la sfera botanica. Robinie, castagni, platani, ulivi, palme e quant’altro devono semplicemente sparire perché scandaloso segno dell’internazionalizzazione bastarda che travolge/sconvolge l’Europa.”

Un altro incalza: “Anche il riso?”

Concessione populista: “Il riso ormai è radicato, quanto il mais o le patate. Chiudiamo un occhio.”

Chi glielo spiega che se accettano il riso e le patate devono accettare anche gli ebrei, che sono arrivati prima?

Annunci