Tag

, ,

Bello, il concerto di Francesco De Gregori lo scorso mercoledì all’Alcatraz di Milano. Lui era in forma, la band molto affiatata, il programma prevedeva brani vecchi e nuovi e, in coda a “Santa Lucia”, c’è stato un omaggio discreto a Lucio Dalla.

Mi chiedo però per quale motivo non ci fosse nemmeno una sedia. Il pubblico era in buona parte composto da gente intorno ai cinquant’anni, per qualcuno dei quali forse stare in piedi tre ore ha significato tornare al passato e sentirsi giovani. Per la maggior parte, tra cui mia moglie e io, stare in piedi ha significato non vedere praticamente niente e tornare a casa con un gran mal di schiena. Oltretutto, il biglietto costava quanto avremmo pagato per stare seduti comodamente in un teatro a gustarci meglio la musica.

Si dice che ormai la maggior parte dei guadagni di un musicista provenga dall’attività dal vivo. Mi dispiace per loro, ma d’ora in poi mi informerò bene ed eviterò accuratamente i concerti in cui mi obbligheranno a una fatica inutile.

Annunci