Tag

, , , , ,

L’Italia ha un ministro di colore, come hanno detto tutti i commentatori. A me viene da chiedere “Di che colore?”, ma mi rendo conto che è un problema mio. Matteo Renzi, per dire, l’altra sera a Che tempo che fa ha detto che abbiamo un ministro nero, che mi sembra molto meglio.

Più interessante quello che ha scritto il leghista Matteo Salvini (quello che cantava cori da stadio contro i napoletani, tanto per capire di chi parliamo):

Pronti a fare opposizione totale al ministro per l’integrazione (?), simbolo di una sinistra buonista e ipocrita, che vorrebbe cancellare il reato di clandestinità e per gli immigrati pensa solo ai diritti e non ai doveri. Venga in alcune città del nord, a vedere come l’immigrazione di massa ha ridotto gli italiani a minoranza nei loro quartieri. I governatori leghisti del nord faranno argine, nel nome del “prima i residenti, prima gli italiani

Se gli immigrati (non i delinquenti immigrati) avessero più diritti e fossero più integrati, molti quartieri e molte città non si troverebbero nello stato in cui sono. La soluzione non è arginare, ma fare in modo che gli immigrati si sentano cittadini.

Annunci