Tag

, , ,

La mattina della vigilia di Natale, come molti, ero in giro in auto per delle commissioni e ho acceso la radio sintonizzandomi su Radio24. Giovanni Minoli stava intervistando qualcuno (non so chi, è un brutto vizio dei conduttori delle radio italiane non ripetere il nome degli ospiti) che sembrava molto esperto di America. Diceva che gli americani sanno sempre trovare un punto da cui ripartire anche nelle peggiori sventure. Come a Kansas City, che sta diventando il paradiso delle nuove start-up tecnologiche grazie a Google, che ha cablato la città in modo da fornire velocità di connessione “fino a mille volte quella del wi-fi“. “Però! Mille volte!”, ha commentato Minoli.

Mi sono bastati dieci secondi per scoprire che Google Fiber è cento volte (non mille) più veloce della media delle connessioni a banda larga attualmente disponibili (e ovviamente il concetto di velocità del wi-fi non ha alcun senso).

Il mio augurio per il 2014, per quanto riguarda chi lavora nell’informazione, è che si trovino quei pochi secondi necessari a documentarsi prima di parlare o scrivere.

Annunci